ZAPPING-OLOGIA EDITORIALE

Giuseppe Abbati

02/12/2021 - 09/12/2021

poster ZAPPING-OLOGIA EDITORIALE

Come chi conserva la foresta, Abbati conserva frammenti di immagini di riviste
improbabili - recuperate dal macero - componendo pezzi unici, astratti, surreali
e super pop ma anche ritagli di dee madri - che riaffiorano dalle radici
dell'inconscio - dandogli una nuova lettura del contemporaneo.
Addirittura sovrapponendo pittura si arriva ad un nuovo informale.
L'arte di Abbati è anche l'arte del presente, della paranoia, della follia, della realtà
tragica e affascinante dei nostri giorni con coraggio e molta incoscienza.

Alberto Clementi, curatore della Mostra

Giuseppe Abbati è nato nel 1973 e vive nella sua casa studio sul Naviglio Grande a Castelletto di Cuggiono (MI), Inizia a dipingere molto presto dopo aver giocato ad assemblare rottami nello sfasciacarrozze del padre. Avido di conoscenza ha intrapreso autonomamente lo studio dei Maestri. Un soggiorno a Parigi nel 2003 e l'incontro con Daniele Francesco Oppi nel 2005 segnano il suo percorso umano e artistico. Ha tenuto personali, è stato invitato a mostre collettive ed è stato finalista in prestigiosi premi nazionali.
Nel 2018 la Radiotelevisione Svizzera dedica una serie di video al suo lavoro nell'ambito del progetto Ateliers di Roberto Pellegrini.

ZAPPING-OLOGIA EDITORIALE artwork
Dea di Instagram 70x100, 2021
ZAPPING-OLOGIA EDITORIALE artwork
Dea di Instagram 30000 anni, 2021
ZAPPING-OLOGIA EDITORIALE artwork
Ritratto di giovane ragazzo - Omaggio a Botticelli, 2018
ZAPPING-OLOGIA EDITORIALE artwork
Omaggio a Hans Memling, 2017
ZAPPING-OLOGIA EDITORIALE artwork
Interno set fotografico, 2018
ZAPPING-OLOGIA EDITORIALE artwork
Fashion, 2021
ZAPPING-OLOGIA EDITORIALE artwork
Testa piena, 2005
ZAPPING-OLOGIA EDITORIALE artwork
VIP 2, 2020